Cerca nel blog

mercoledì 7 giugno 2017

IN BUONA COMPAGNIA


Più di un quarto degli italiani preferisce viaggiare con Ryanair: più economica, più puntuale, più precisa in fatto di bagagli della nostra compagnia di bandiera.

Saranno forse gli scioperi, saranno gli episodi negativi del passato (come quello dei furti nei bagagli) ma gli Italiani non dimostrano di preferire in modo incondizionato Alitalia. Tanta infedeltà, se così si può chiamare, è dovuta sicuramente il costo dei biglietti, non particolarmente economici. Questo vale soprattutto per i vacanzieri. Diversamente, se si viaggia per lavoro, a quanto pare, si bada meno al prezzo e ci si accerta soprattutto che gli orari di partenza e di arrivo siano in linea con le proprie esigenze.


L’esperienza mi ha permesso di riconoscere le migliori e le peggiori compagnie aeree. Per essere concisi, ci limiteremo alle compagnie che hanno, per lo più, voli da e per l'Italia. Deludono, purtroppo, molti vettori europei, mentre vengono apprezzate tante compagnie aeree del medio ed estremo oriente, soprattutto quando si devono fare lunghi viaggi. Tre di queste: Emirates, Singapore Airlines e Cathay Pacific offrono un servizio affidabile, chiaramente apprezzato dai viaggiatori.
Certo, contano anche i pasti (siamo Italiani). Nella maggior parte dei casi è proprio questa voce che, secondo me, penalizza molto le low cost come Ryanair, Easyjet e Volotea: nonostante sia un modo pratico per tenere bassi i prezzi, difficilmente viene "digerito" il fatto che in volo non sia servito nulla o che si debba pagare per mangiucchiare qualcosa.
Un altro degli aspetti giudicato spesso come insufficiente è lo spazio a bordo. E su questo vi garantisco che la situazione, in futuro, potrà solo peggiorare. In nome della redditività si sta infatti delineando una nuova tendenza: ridimensionare lo spazio per i passeggeri. Taglia un centimetro di qua, taglia un centimetro di là, sull'aereo si possono mettere più sedili e, dunque, vendere più biglietti. Iberia ha limitato la larghezza del sedile a soli cm 43 e la distanza con il sedile anteriore (cm 71) guadagnando, a mio avviso, una nota negativa sotto questo aspetto.

Bocciata anche Easyjet. Alitalia per ora se la cava, ma sta aggiungendo sei posti sugli A319 e A320, dopo aver già ritoccato 59 aerei per i voli domestici ed europei. Chi per ora non ha sforbiciato nulla sono Emirates e Qatar e i viaggiatori se ne devono essere accorti.
A bordo di Qantas, Emirates, Qatar e Singapore Airlines, chissà perché, ci si sente particolarmente sicuri. Accade l'opposto, invece, sui voli Meridiana.