Cerca nel blog

domenica 26 febbraio 2017

LA MIA ESPERIENZA IN RADIO


Tutto si svolse nel 2016, nella seconda domenica di dicembre, con un’intervista (Cfr. "L’intervista di Gino Mallardo") che, successivamente, fu poi trascritta e riportata quasi interamente su questo blog. Fu così che discutendo con gli amici presenti quel giorno nel piccolo studio di radio Mb international mi venne l’idea di creare una trasmissione radiofonica dal contenuto letterario. Effettivamente, grazie all’approvazione del Direttore Michele Riccardo e alla "complicità" della bella e brava Ketty Spatera, riuscimmo a produrre una rubrica culturale che andò in onda anch’essa di domenica, per la precisione il 18 dicembre del 2016. Per l’esordio fu scelto un libro di fantascienza molto particolare "Memorie di un cuoco d’astronave" di Massimo Mongai. Scegliemmo quel titolo per ricordare un grande scrittore, morto soltanto un mese prima, ma anche per rimanere nel tema della fantascienza, dato che nell’intervista di Gino si era dato ampio spazio anche al mio libro "I fabbricanti di universi". Forse ebbi il timore che la trasmissione fosse stata caratterizzata da qualche incertezza, dato che era la prima volta e non c’era ancora il giusto affiatamento; ma dovetti ricredermi, poiché in tanti mi contattarono per porgermi le loro congratulazioni. Forse contribuì ad aumentarne il successo il fatto che, quasi in contemporanea, uscì sul blog la recensione del libro. Nondimeno, oggi il mio blog è meta di 41.000 visualizzazioni mensili. Pertanto, ci preparavamo a mandare in onda una seconda trasmissione radiofonica, avevamo già scelto il libro: "Risparmiare in cucina". Un libro che contiene, analogamente a quello di M. Mongai, anche un ricettario. Si era partiti da un libro di fantascienza che, singolarmente, contiene un ricettario per arrivare, quasi senza soluzione di continuità, a un libro di tecnica e cultura alimentare. Purtroppo quella trasmissione, prima rimandata a causa delle imminenti festività di fine anno, fu poi annullata per volontà del Direttore Riccardo che, forse, la riteneva troppo innovativa.


Qualcuno, però, ci imitò.


Il 17 febbraio 2017 sul sito www.vocelibro.it uscì questo trafiletto:
Programmi radiofonici.
La Voce del Libro produce trasmissioni di contenuto letterario, in format da 5, 10 e 15 minuti, che propone alle radio FM e webradio interessate a completare il proprio palinsesto con spazi dedicati al libro ed all'editoria.
Dimostrando, così, che l'idea era buona. Che dire: per una volta, una volta sola, Qualiano e radio MB furono all’avanguardia!

sabato 25 febbraio 2017

IL NIGHTCRAWLER: COSA SIA NESSUNO LO SA



Abbiamo già parlato (scritto) di animali la cui esistenza è sostenuta da tradizioni e leggende, ma di cui mancano prove scientifiche (cfr. i post "Sulle tracce dei dinosauri", "Cacciatori di dinosauri", etc.). A tal proposito, in letteratura esiste il termine criptide, usato nella criptozoologia, per definire tali animali. Anche se la criptozoologia è considerata una pseudo-scienza, molto spesso mette in seria difficoltà i fautori della scienza "ufficiale" che non riesce a spiegare il contenuto di numerosi video o foto che mostrerebbero delle creature misteriose.
Oggi non parleremo di plesiosauri, ma ci concentreremo su un criptide meno conosciuto che attanaglia le menti di molti ricercatori. Nightcrawler, questo è il nome che gli è stato affibbiato anni fa quando comparve per la prima volta in un video. Di lui non si sa praticamente nulla, tranne che ci sono riferimenti in alcune leggende che non possono considerarsi solo coincidenze.



Il Nightcrawler, nome derivato dalle parole inglesi "Night" (notte) e "Crawl" (camminare lentamente o strisciare), chiamato anche l’alieno di Fresno, è una bizzarra creatura che fece la sua prima apparizione nel 2007 a Fresno in California. L’avvistamento fu ripreso in una zona residenziale da una telecamera di sorveglianza installata appositamente da una famiglia perché capitava molto spesso che durante la notte i cani del vicinato abbaiassero. Una notte i cani abbaiarono più forte del solito e la mattina dopo la famiglia, preoccupata, decise di vedere le registrazioni. Sconcertati, chiamarono immediatamente la polizia la quale rimase altrettanto confusa. Il video, relativamente breve e di scarsa qualità, ritraeva una misteriosa creatura umanoide bianca, sottile, senza né braccia né busto. Il corpo sembrava avvolto da un vestito o da un mantello chiaro e aveva due lunghe gambe che convergevano sotto quella che potrebbe essere una testa.

Un fatto curioso che riguarda i Nightcrawler è che stando alle leggende dei nativi americani, queste creature popolerebbero la Terra da moltissimo tempo, addirittura da prima della comparsa dell’uomo e proverrebbero da un pianeta per lo più ricoperto di paludi, difatti le loro lunghe gambe servirebbero proprio per attraversare più agevolmente il terreno paludoso. Sempre secondo la leggenda, queste creature sono sul nostro pianeta per assistere a una sorta di risveglio, per costruire un legame tra uomo e natura e successivamente portare la pace e l’armonia. Un altro fatto interessante che potrebbe essere legato ai Nightcrawler risale al 1931 quando a Blythe, una cittadina in California, un archeologo scoprì enormi glifi visibili nel loro insieme solo dal cielo, un po’ come le linee di Nazca. Questi glifi hanno mostrato un enorme essere con gambe e braccia lunghe e una piccola testa e il più grande misura circa 50 metri. Nessuno sa quando siano stati creati questi glifi, se ne fa solo menzione in leggende tramandate oralmente e antichi scritti dei nativi americani.
Nel marzo del 2011, fece la sua comparsa un secondo video ripreso sempre da una telecamera di sicurezza di notte al Parco nazionale di Yosemite, un’area naturale protetta che si trova tra le contee di Mariposa e Tuolumne nello Stato della California. Questa volta vengono riprese due creature, due Nightcrawler che scendono giù per una collina con i loro strani movimenti.
Queste creature così surreali affascinano molti ricercatori, c’è chi ritiene siano dei fantasmi o una sorta di guardiani della foresta. L’unica cosa certa è che non assomigliano a nessuna creatura nota.

Grazie a internet i video cominciarono presto a fare il giro del mondo e le misteriose creature furono oggetto anche di una puntata di Fact or Faked: Paranormal Files, una serie televisiva statunitense di investigazioni su fenomeni paranormali in onda sul canale Syfy. Il team investigativo analizzò il primo video girato nel 2007. Le movenze delle strane creature sono apparse fin da subito molto strane: i movimenti sono fluidi e le ginocchia sembrano piegarsi all’indietro.
Più il tempo passava, più il mistero si infittiva e sempre più gente cercava di dimostrare che si trattava di un falso senza però riuscire a ricreare perfettamente le strane movenze di quelle creature. Su YouTube esiste un video dello youtuber CaptainDisilusion che mostra come apparentemente sia stato realizzato il Nightcrawler. Il tutto si sarebbe ottenuto tramite l’aiuto della computer grafica, modificando un corpo di una persona e rimuovendone digitalmente la parte superiore. Tuttavia, questa spiegazione non convince per due motivi: il primo è che il video analizzato in Fact or Faked: Paranormal Files non presentava ritocchi, la seconda è che lo youtuber non è riuscito a rappresentare in modo convincente le strane movenze delle gambe delle creature. Dunque il mistero persiste ancora.

12 dicembre 2014, Contea di Highland, Ohio. Un ex marine e sua moglie stanno tornando a casa, fuori sta calando velocemente il sole e l’uomo accende i fari per illuminare la strada, una strada buia e interminabile che si inoltra nella foresta. Ad un certo punto la moglie gli indica, in lontananza, un puntino bianco in mezzo alla strada e l’uomo, pensando fosse un animale selvatico, comincia a rallentare per evitare di investirlo, ma mano mano che si avvicinano il puntino bianco assume una forma umanoide. Ad un certo punto, la creatura si accorge dell’auto in arrivo e fa un balzo nella foresta sparendo dalla vista della coppia. L’uomo rimane scioccato dalla visione di quella strana creatura e quando arriva a casa prende subito carta e penna per cercare di raffigurare ciò che aveva visto. Disegnò una creatura con lunghi arti inferiori, ginocchia piegate all’indietro senza busto e braccia. Proprio così, sembra la raffigurazione di un Nightcrawler, purtroppo, l’unica prova che rimane di questo avvistamento è un disegno.
Ogni volta che si ha a che fare con un criptide non si dispone che di una manciata di foto o video come prova, spesso di bassa qualità, ma basta ricordarci del celacanto per capire che, a volte, persino specie ritenute estinte, vengano poi rinvenute vive e vegete, arricchendo la lista degli animali presenti sulla Terra e nessuno può dire se un domani un Bigfoot, un Nessie o un Nightcrawler possano arrivare a far parte di questa lista.

martedì 21 febbraio 2017

FELICITAZIONI


Congratulandomi con i lettori, sono lieto di comunicarvi che stamattina, alle ore 9:00, avete (è il caso di dirlo) letteralmente sfondato il muro delle 10.000 visualizzazioni mensili!

A PROPOSITO DI ANDREW CARLSSIN


Non lo avevo detto, ma i più attenti mi hanno scritto chiedendomi se l'uomo ritratto nella foto, tra la folla, sia realmente Andrew Carlssin. Non possiamo saperlo; tuttavia, dal confronto con la foto piccola (nel riquadro) si può notare una notevole somiglianza. Se così fosse, un solo scatto avrebbe immortalato due viaggiatori del tempo. Una coincidenza?
O forse quel luogo (o quella data) rappresenta una sorta di crocevia del tempo, un posto dove viaggiatori provenienti da epoche diverse devono per forza transitare. Un'ipotesi suggestiva ma, per quanto ne so, il luogo è piuttosto desolato. Ricoperto di foreste e disseminato di laghi montani, è un posto piuttosto isolato dove è bello andare a caccia o a pesca e fare campeggio nella natura incontaminata. In passato, si è stato un sito minerario, si è estratto soprattutto dell'oro. Oggi, nelle vicinanze del ponte South Fork, in Canada, si trovano anche un paio di villaggi abbandonati.

lunedì 20 febbraio 2017

ANDREW CARLSSIN E IL VIAGGIO NEL TEMPO



Nel 2003 l’FBI arrestò un uomo, Andrew Carlssin, con l’accusa di insider trading, ossia la compravendita di titoli di una qualche società da parte di soggetti che sono venuti in possesso di informazioni estremamente riservate. L’FBI ha affermato che questo soggetto con un investimento iniziale di 800 USD, è arrivato a guadagnarne l’incredibile cifra di 350 milioni, ma la cosa ancor più straordinaria è che lo ha fatto in sole due settimane!
Le autorità sostengono che ogni commercio su cui Andrew ha capitalizzato, aveva degli sviluppi di business inaspettati, l’FBI afferma che è da escludere, in modo categorico, ogni possibilità che si tratti di pura coincidenza o di fortuna. L’unico modo con cui poteva farcela era con informazioni privilegiate e sicuramente illegali. Una fonte presso la Securities and Exchange Commission (l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori) ha aggiunto: "Se le azioni di una società aumentavano a causa di una fusione o di innovazione tecnologica che doveva essere assolutamente segreta, il signor Carlssin in qualche modo lo sapeva in anticipo"

L’anno precedente, un anno in cui i prezzi delle azioni erano andati a picco a causa della crisi economica, molti investitori furono ridotti sul lastrico. Così, quando Carlssin fece una raffica di 126 puntate ad altissimo rischio uscendone vincitore ogni volta, attirò l’attenzione dei cani da guardia di Wall Street. Fin qui abbiamo narrato la storia di quello che poteva essere un "mago della borsa", oppure un abile truffatore. Ma è quando l’FBI, dopo un interrogatorio di quattro ore, ottiene una confessione, che la storia assume contorni sbalorditivi. Le fonti confermano che il 44enne ha offerto una spiegazione alquanto bizzarra per il suo sconcertante successo: ossia la sua provenienza. Egli, infatti, affermò di arrivare dal futuro, più precisamente dall’anno 2256. Scelse il 2003 perché sapeva che era uno dei periodi peggiori per i mercati azionari, dunque chiunque era a conoscenza dei fatti, con pochi soldi, avrebbe potuto guadagnare una fortuna investendo su titoli inaspettati! Affermò, durate la sua confessione, di aver programmato il tutto per far sembrare naturali le sue vincite ma che, alla fine, si era lasciato prendere la mano. Inoltre, per provare che non stava mentendo, sostenne di sapere dove sarebbe stato trovato Osama Bin Laden e come si sconfiggerà l’AIDS. Carlssin si dimostrò collaborativo, era disposto a divulgare fatti ed eventi che non sono ancora accaduti: tutto ciò che voleva era ritornare alla sua macchina del tempo. Tuttavia, non rivelò mai dove si trovava, per paura che la tecnologia dei viaggi temporali potesse cadere nelle mani sbagliate. L’FBI pensò che Andrew si prendesse gioco di loro o che fosse pazzo e per questo lo tenne in prigione. Un’accurata indagine ha però dimostrato che non c’è traccia di Andrew Carlssin negli archivi di tutti gli Stati Uniti prima del Dicembre 2002! Se Andrew Carlssin sia viaggiatore nel tempo oppure no, ancora oggi, rimane un mistero.

Andrew Carlssin è un truffatore, un "mago della finanza", oppure, ipotesi più affascinante, un viaggiatore nel tempo? Ricordiamo che nella storia ci sono stati altri sedicenti crononauti; "sfogliando" il mio blog ne ritroviamo altri tre:
  • Lo strano uomo nella foto del 1941 all’inaugurazione del ponte South Fork in Canada (foto).
In questa foto, che si dice sia stata trovata nel sito del Museo Virtuale del Canada, si può vedere un uomo dall’abbigliamento inusuale per l’epoca, che sembra tenere in mano una macchina fotografica moderna.
  • Donna col cellulare (filmato).
La donna, filmata nel 1928 alla premiere di un film di Charlie Chaplin, sembra stia effettuando una conversazione con il cellulare.
  • John Titor (post).
John Titor è il crononauta più famoso. Si presenta per la prima volta nel 2000 nel forum Time Travel Institute con lo pseudonimo "TimeTravel_0". Egli dichiara di provenire dall’anno 2036 e che è tornato indietro di 36 anni per recuperare un IBM 5100, il quale conterrebbe la soluzione per risolvere un bug delle date del sistema UNIX. Nel 2001 Titor annuncia di ritornare nel suo tempo e, di fatto, scompare avendo rivelato presunti avvenimenti che sarebbero accaduti, tra cui una Terza Guerra Mondiale nel 2015. Oggi c’è chi presume che la storia di John Titor sia un falso.

domenica 19 febbraio 2017

OPERAZIONE NOSTALGIA IV

"l'Operazione Nostalgia". propose un'ampia carrellata di foto che ritraggono le strade di #Qualiano com'erano una volta e che, tra l'altro, mostrano tanti esercizi commerciali che sono rimasti solo nei nostri ricordi. Ultima carrellata di foto che ritraggono Qualiano com'era nel 2003. Questa volta le foto ritraggono di Via S. Maria a Cubito.